Nel mirino di De Laurentiis c’è Tonali, il nuovo Pirlo


image

Caccia ai millennials. Il Napoli guarda al futuro, ma si fa per dire. Perché De Laurentiis li vuole giovani ma anche già pronti per essere affidati a Carlo Ancelotti. Ed ecco quindi l’assalto al baby rivelazione del Brescia e della serie B: Sandro Tonali, classe 2000, 18 anni compiuti a maggio, 10 presenze da titolare tra i lombardi in questa parte iniziale della stagione. Il ct Mancini domani, a sorpresa, lo potrebbe persino inserire nella lista dei convocati della sua Italia.

LA TRATTATIVA
De Laurentiis e l’ad Chiavelli ne sono rimasti stregati: è il nuovo Pirlo, l’erede di Jorginho, un regista a tutto campo. E poi arriva dal Brescia, dove il Napoli ha pescato Hamsik 11 anni fa. C’è di mezzo anche un po’ di scaramanzia. Il punto è che non c’è solo il Napoli sull’enfant prodige del calcio italiano: ci sono la Roma e l’Inter. Ma c’è anche il Monaco e soprattutto il Chelsea. Ma de Laurentiis ha già inviato i suoi emissari dal patron Cellino per iniziare a trattare. La richiesta del Brescia è stellare, considerando che fino ad adesso il centrocampista ha giocato solo tra i cadetti: circa 35 milioni più una serie di bonus legati alle rivendite (eventuali) nel futuro. Il Napoli sa bene che dietro l’angolo c’è la fila e il club azzurro ha fretta

IL PROGETTO
La strategia del Napoli è quella di dare un’impronta giovane e talentuosa a una rosa da rendere sempre più competitiva soprattutto in chiave Champions League. Non c’è domenica che uno degli scouting azzurri non sia a vedere una sua gara: l’ultima a Foggia dove il Brescia a pareggiato per 2-2. Cellino, l’ex patron del Cagliari ora proprietario del Brescia, sa che sono in tanti disposti a spendere cifre folli per Tonali. E tiene duro. Ma il Napoli, con Ancelotti, pare avere una posizione di vantaggio rispetto agli altri. È una trattativa destinata ancora a vivere dei passaggi importanti. Sì, perché Tonali finora non si è sbilanciato per nessuna delle varie soluzioni proposte. Ovviamente per il Brescia l’ipotesi più lineare e suggestiva prevederebbe la permanenza fino a giugno del talento. Cosa che al Napoli andrebbe bene. Si è presto guadagnato il soprannome di nuovo Pirlo, e non per la capigliatura che può ricordarlo. È cresciuto così tanto in poco tempo che ormai di fronte a un simile paragone non storce la bocca nessuno.

From: Il Mattino.